Danze Caraibiche

 

Clicca qui per visualizzare il calendario dei nostri corsi

 

La storia dei balli Caraibici è sorprendente, in quanto essi son nati grazie a vari intrecci di cultura diversa (arte, religione e modi quotidiani di vivere), questa fusione inter-razziale ha prodotto nel tempo un ritmo molto caratteristico nella zona caraibica , e in continua evoluzione formando così vari stili di ballo e quindi vari modi di esprimere la propria origine e la propria vitalità. La loro evoluzione è iniziata con la scoperta dell’America,con la successiva razzia e il massacro degli indios aborigeni da parte degli spagnoli per poi proseguire con l’importazione degli schiavi Africani, sfruttati per la manodopera. Diciamo che in questo brutto periodo di intolleranza la forza delle popolazioni soppresse e la loro cultura radicata delle loro origini non si è fatta piegare dalla forza europe, ma si è fusa con la cultura di essa. Gli spagnoli portarono a cuba il ballo “zapateo” che si mescolò con il repertorio cubano di danze campesinas (danze della campagna) diventando “zapateo cubano”,“gavvillon”,”tumbantonio”,”cariga” e “papalote”. Queste danze erano accompagnate da una chitarra a tre corde chiamata “tre”.

Alla fine la radice africana ha avuto una forza predominante a quella spagnola, perché radicata molto sulla quotidianità, sui lavori dei campi, e sulla religione. Tutto quello che essi facevano durante la giornata aveva un significato religioso: ballavano simulando le onde del mare e vestivano di azzurro quando onoravano “Yemayà”, la Dea patrona del mare il cui colore era proprio l’azzurro. “Changò”, re del lampo,del tuono e della sensualità, aveva invece come colori il bianco ed il rosso e, rappresentandolo nel ballo, tutti i movimenti delle braccia partivano dal cielo come se volessero prendere i lampi e si concentravano nella zona pelvica, perché fosse data maggiore energia alla propria virilità. Ancora oggi a Cuba gente di tutte le razze adora e pratica il culto di questi Dei.
Con l’arrivo della Borghesia europea tra il XVIII-XIX secolo la danza si evolse ancora. I borghesi portarono nell’isola di Cuba le grandi sale da ballo e i casinò. I balli della borghesia in questi anni erano la “danza” e la “contradanza”,che venivano ballate nei locali riservati esclusivamente al ceto borghese e non al popolo cubano, il quale, sentendosi rifiutato, creò delle piccole sale da ballo.Quest’esclusione sfociò nella creazione del “danzon”, nato proprio per beffeggiare e criticare il modo rigido di ballare della borghesia. Da qui in poi l’evoluzione del ballo fu sempre più in crescita e si espanse con grande rapidità in tutta la zona caraibica, inventando e trasformando nuovi tipi di ballo ed espandendosi poi in tutto il mondo.

 
Le Danze Caraibiche mescolano, in modo allegro, ritmo, vivacità e sensualità e comprendono:

• La salsa: nata dal Son Cubano e poi influenzato da un miscuglio di generi musicali: Merengue Dominicano, Cumbia Colombiana, Rumba, Mambo, Cha-Cha ed altri ritmi musicali del Caribe. Esistono varie scuole, stili e tecniche diverse; le principali sono la salsa cubana e la salsa portoricana. Fondamentalmente è un’espressione di gioia; il vero spirito è quello di divertirsi, di comunicare emozioni e sensazioni al proprio partner attraverso il ballo.
• Il Merengue: danza dal ritmo travolgente nata nella Rep.Dominicana, probabilmente dall’imitazione dei movimenti a cui erano costretti gli schiavi nei campi, per via delle catene alle caviglie che non consentivano grandi movimenti, ma permettevano di trasferire ritmicamente il peso del corpo da un piede all’altro. Anche il Merengue ha subito un’evoluzione coreografica. Inizialmente il ballo si svolgeva in un contatto permanente con una guida corporea da parte dell’uomo, non servivano figure complicate poiché era una danza senza vincoli.
• La Bachata: nata fra gente povera della Rep.Dominicana, rappresentava un modo di evadere e spezzare la routine della vita quotidiana. Il modo di ballare appariva volgare e osceno poiché i corpi dell’uomo e della donna rimanevano stretti e in continuo contatto e non esistevano molte figure; pertanto fu snobbata dalla borghesia e osteggiato dalle autorità.

La corrente tipicamente europea vuole un modo di ballare ricco di figure sempre più complesse però c’è chi, rimanendo fedele allo spirito originale, balla senza troppe figure e complicazioni, cullandosi amorevolmente.